Vai ai contenuti

Menu principale:

A distanza di ormai 19 anni dalla nascita di questo Portale, era il 2001, avendo  raggiunto importanti traguardi di quantità di visite uniche giornaliere, grazie al continuo rinnovo delle iscrizioni sui più importanti motori di ricerca nel mondo, intendo da questo momento dare a tutti, anche fuori dal nostro ristretto territorio, la possibilità di inviare in qualsiasi momento volantini, descrizioni delle proprie iniziative con recapiti, orari, ecc. ecc., una o più pagine in formato immagine fotografica, jpg, png, per poi vedersela pubblicata nel giro di poche ore sulla home page di questo spazio internet in modo completamente gratuito.
tutto questo anche per dare a tutti la possibilità di uscire da quel ristretto circuito di utenti di cui fa parte chi utilizza i social network. Il nostro portale vanta diverse centinaia di nuove visite tutti i giorni.
Nella fattispecie, la mia attività professionale in ambito informatico mi porta ad avere una importantissima quantità di Clienti, oltre il 75%, che mi hanno trovato attraverso questo tipo di contatto che non conosce confini e che in grande maggioranza riesco a servire in modalità di teleassistenza anche se diversi di loro hanno sede a centinaia di chilometri di distanza dal mio Studio.
Provate, non costa nulla.
Il servizio di pubblicazione rimane attivo nonostante il periodo di restrizioni dovute alla diffusione del COVID-19

Il materiale può essere caricato semplicemente utilizzando la pagina dei contatti.

Ecco oltre ai link ai siti  anche i volantini delle manifestazioni estive, non solo a zocca, inviate direttamente dagli interessati:

   

Locali Pubblici e Negozi
Servizi
Feste - Sagre - Manifestazioni varie


Dove si trova

Zocca stazione climatica adagiata fra il verde dei castagneti sulla sommità della riva destra del fiume Panaro e a sinistra del Samoggia, dista circa 45 km da Modena e 50 da Bologna, paese noto per la salubrità dell'aria, per i suoi magnifici castagneti, e per l'ampio paesaggio.
Il panorama ricco di immagini suggestive, ci offre in particolare a sud-ovest, oltre all'ampia vallata del Panaro, lo scenario della catena dei più alti monti dell'appennino centrale, Il Corno alle scale (m.1945), Il Cusna (m.2120), il Monte Cimone (m.2163).

Clicca Quì per Visualizzare in formato PDF, o per stampare gli orari dei mezzi Pubblici per raggiungere Zocca Da Bologna e ritorno, transitando per Bazzano. Per la certezza delle corse elencate in un determinato giorno, si può utilizzare il link ufficiale della Tper  sottoriportato.


In questa pagina sarà presto disponibile anche la tabella orari del trasporto Pubblico proveniente da Modena.






Le origini e la storia del nostro paese.
Pianta generale per arrivare in Paese

Zocca in provincia di Modena, rinomato luogo di villeggiatura a 759 metri a ridosso dell'appennino tosco emiliano, noto per i suoi sentieri, le escursioni, i castagneti, i boschi, i funghi, le specialità montanare, dalle tigelle ai borlenghi, i ristoranti, gli alberghi, le pensioni, le trattorie, la piscina, i campi da tennis, e in particolare per l'aria salubre e il clima assai mite.
Illustri personaggi sono nati e e alcuni vivono ancora nello splendido scenario di queste montagne, i più famosi conosciuti anche oltre oceano, sono certamente Mauro Tesi, (1730-1766) architetto, pittore, incisore, Giuseppe Maria Bondigli, (1691-1763), noto Giurista, Giovanni Maria Bononcini (1642-1678), Giovanni Bononcini (1670-1749),  Antonio Maria Bononcini (1677- ), generazioni di musicisti che influenzarono anche Bach e handel, i fratelli Tozzi (Pietro Paolo (16xx- Giurista), Marco Antonio (16xx- Giurista) , Luca 1683-1717 famoso medico),  il cantautore  Vasco Rossi,  l'astronauta Maurizio Cheli., Massimo Riva. Alla memoria di quest'ultimo, è stata fondata una scuola di musica che sta preparando una quantità sempre crescente di giovani allo studio di diversi strumenti.
Il territorio molto ampio, è composto oltre che dal capoluogo, anche da 7 frazioni, (Montetortore, Montecorone, Montombraro o Monteombraro, Montalbano o Montealbano, Missano, Rosola, Ciano
) ricche di borgate storiche che combinate alla quiete che vi regna, danno a tutto ciò una immagine suggestiva e rilassante.

Chiesa e Campanile sullo sfondo del Monte Cimone

Cenni Storici

Zocca in Provincia di Modena, borgata il cui nome deriva da una ceppaia di castagno "zòca" che contrassegnava la località dove si usava tenere un mercato, si affaccia sulle valli del fiume Panaro e del Samoggia.
Durante le lotte fra i Comuni di Modena e Bologna, queste terre conobbero alterne conquiste, per sottomettersi poi, nel 1337, definitivamente a Modena.
Il Duca Borso d'Este confermò nel 1465 l'istituzione del mercato in occasione della fiera di San Giacomo e Sant'Anna (25-26 Luglio)
, ancora in uso ai giorni nostri.
Il Comune è di origine napoleonica, fece parte del Regno Italico, e ne seguì le sorti. (1804-1814)
Con la restaurazione il Comune venne soppresso, e Zocca fu ridotta a sede di Commissionato Politico e Giusdicenza, situazione questa in generale poco gradita, ma utile a rafforzare lo spirito di libertà e di unità Nazionale, tanto che nel 1831 un cittadino di nome Antonio GIACOMOZZI
fu uno dei capi della famosa congiura di Ciro MENOTTI, e venne per questo condannato a morte, in seguito la pena venne commutata in 12 anni di carcere.
Nel 1833 altri cittadini quali il Dott. Natale MASCAGNI
e il farmacista Angelo PICCAGLIA, furono arrestati con l'accusa di fare parte della Giovane Italia, processati e condannati rispettivamente a 10 e 5 anni di carcere. Merita essere segnalato il contributo di questo paese al Risorgimento Nazionale.  
Durante il feudalismo, il territorio fu spartito tra i Montecuccoli e i Rangoni, nel 1860 venne ricostituito il Comune dal Dittatore dell'Emilia Luigi Carlo Farini
, cui si deve anche  l'adozione dello stemma Comunale "Fenice rinascente", con il motto "Post fata resurgo", scelta dettata dal fatto che il Comune "risorgeva dopo un lungo periodo di soppressione", allo stesso Farini si deve anche la costruzione della pittoresca strada che passando per Zocca congiunge Modena a Porretta Terme.
Nel 1895 fu costruita l'attuale Chiesa di stile Romanico-Bizantino, ad opera dell'Ing. Carlo BARBERI
, e affrescata  dal pittore Giacomo GEMMI, che vi lavorò per 30 anni, Tempio bello ed imponente dedicato al "Sacro Cuore di Gesù", che sostituì il vecchio oratorio, demolito poi nel 1926, intitolato a "San Contardo", nel 1929 Zocca divenne Parrocchia.
Dall'ultima guerra il paese uscì quasi totalmente distrutto, ma già dopo tre anni, grazie all'iniziativa dei cittadini, era completamente risorto, rinnovando così il destino enunciato dallo stemma del Comune.
Non manca in questo paese la tradizione artistica, in quanto Zocca nella frazione di Montalbano diede i natali all'insigne Mauro TESI detto (il maurino)
, la cui fama supera i confini nazionali, una lapide commemorativa lo ricorda come "restauratore dell'antica eleganza nell'ornato e architettura", nella Cappella di San Rocco in San Petronio a Bologna, città dove morì in giovane età nel 1766 a soli 36 anni.
Altro illustre cittadino fu Giuseppe Maria BONDIGLI
, politico e giurista, redasse la lettera programma per la nomina della "Commissione per il Codice Estense", e istituì il "patrocinio dei poveri", nonchè la "cattedra di Diritto Penale e Pubblico" presso l'Università di Modena, dove nell'atrio viene ricordato in una iscrizione, inoltre una via della città è stata intitolata a suo nome.
Tra gli uomini illustri che hanno soggiornato a Zocca nella prima metà di questo secolo, vanno senz'altro ricordati lo scrittore Antonio BALDINI
e il pittore Giorgio MORANDI.

I NOSTRI SPONSOR

Il vostro sito da costruire facilmente
Libro di Alberto Adani - Sono venuto giu' con la piena
 
Copyright 2016 By CVF
Torna ai contenuti | Torna al menu